I VALVERDESI RACCONTANO VALVERDE

itValverde

PERSONAGGI STORIA

Riggio: Valverde nel 600 e il Largo del principe

Largo dei Principi Riggio accanto al Municipio

Lo sapevate che anche a Valverde vi fu la presenza dei Riggio? Ebbene si, la storia di Valverde dal 600 in poi è molto legata a questa famiglia. Ecco tutti i dettagli.

Riggio: duecento anni di presenza in Sicilia

La famiglia dei Riggio è una delle più nobili ed antiche discendenze siciliane. Il capostipite noto è Antonino Reggio (o Riggio). La loro presenza in Sicilia, specialmente a Palermo risale al XII secolo. Furono più volte deputati del Regno di Sicilia, senatori e pretori di Palermo, maestri razionali del reale patrimonio, cavalieri dell’Ordine di Malta. Tra i membri della famiglia sono presenti numerosi Vescovi. Ad esempio, monsignore Andrea Riggio, vescovo di Catania. Ma della stessa famiglia sono anche comandanti di flotte marine, legati soprattutto al Regno di Napoli e alla famiglia dei Borboni. Aci Catena fu di fatto la capitale del Principato dei Riggio ed ospitava il più importante dei Palazzi Reggio, il Palazzo del Principe, a fianco della Chiesa Madre. Ma perché la famiglia Riggio arrivò a Valverde?

Stemma
Stemma della Famiglia Riggio – Fonte: www.wikipedia.org

 Riggio: comprarano Valverde e molti paesi vicini

Valverde (detta Aci Belverde) condivide la sua storia fino al XVII secolo con gli altri casali del territorio di Aci. Nella seconda metà del 600 il vicerè di Sicilia, Francesco Fernandez de La Curva, inviò nella città etnea Stefano Riggio. Siamo negli anni in cui la città di Catania, soffriva della storica eruzione dell’Etna. Nel 1672, Valverde passò sotto la proprietà della famiglia Riggio. Il costo? 36.500 scudi. Tuttavia non fu l’unico territorio ad essere acquistato. Con esso anche Aci Sant’Antonio, Aci Catena, Aci San Filippo ed Aci Bonaccorsi. Il principe si mise subito a lavoro, legandosi alla Festa della Madonna di Valverde. Per la prima volta, vi fu la possibilità di vendere “cose commestibili e potabili” franche di ogni imposizioni. Fu l’anno in cui cominciarono le ristrutturazioni della chiesa Santa Maria di Valverde. Nel 1678 il principe morì. E sapete dove è sepolto tutt’oggi? Proprio all’interno del Santuario.

Tomba di Luigi Riggio e la moglie Caterina
Lapide di Luigi Riggio e la moglie Caterina, al Santuario – Foto: Cavaleri Francesca Agata

La piazzetta dedicata alla famiglia

Morto un principe se ne fa un altro e il titolo passò al nipote Stefano Riggio Saladino. Sono i tempi in cui la cittadina Valverdese veniva scossa da imponenti terremoti. Ma la famiglia era sempre pronta ad aiutare la popolazione. E la benevolenza continuò anche con il figlio Luigi di Branciforte, il primo duca di Valverde. Era anche lui molto devoto alla Madonna. Tanto da partecipare, sempre, alle ristrutturazioni della Chiesa. Ma in quegli anni Valverde cominciò a diventare un polo commerciale. Nei 15 giorni in cui si svolgeva la fiera della festa, vi erano un numero sempre di più crescente di venditori di merci. A riconoscenza della grande opera della famiglia, il popolo valverdese ha costruito il Largo a loro dedicato. Si trova proprio adiacente al Palazzo Comunale. Una targa ricorda che in quel luogo la presenza della famiglia non verrà mai dimenticata.

Riggio: Valverde nel 600 e il Largo del principe ultima modifica: 2020-06-03T10:55:34+02:00 da Cavaleri Francesca
To Top